×

Il Comune di Ostana organizza mostre ed eventi culturali tutto l'anno. Le mostre possono essere ospitate presso il Centro Polifù oppure in altre zone del Paese, a seconda della tipologia. Ad Ostana è attivo anche un piccolo museo etnografico dedicato alla storia e alle specificità del territorio e delle comunità che lo hanno abitato nel tempo.

2017

Caccia alle “masche”

1 aprile 2017

I partecipanti si troveranno coinvolti in un vero gioco di ruolo animato da Faje, Masche ed altri esseri magici che si nascondono tra antichi sentieri e borgate disabitate, con la partecipazione degli “Attori Anonimi di Luserna".


Strumenti musicali in mostra

12 aprile 2017

Gli antichi strumenti musicali della tradizione occitana rivivranno all’interno del centro Culturale Lou Portoun di Ostana a partire dal giorno di Pasqua, quando verrà inaugurata la mostra “Vioule, viouloun e semitoun dedin Lou Portoun”, curata dall’associazione Liero d’Armoni.


Passeggiata del 25 aprile

25 aprile 2017

Il 25 aprile Ostana invita alla passeggiata “sui sentieri della Libertà”, la tradizionale camminata tra barme partigiane e luoghi che hanno fatto la storia della Resistenza locale.


Due secoli di musica occitana in mostra
Celeste Ruà racconta la sua collezione di organetti

17 maggio 2015

Gli strumenti di Celeste infatti rivivono in una mostra in continua evoluzione; ad oggi conta un centinaio di pezzi  ma si arricchisce continuamente degli acquisti e delle donazioni da parte dagli eredi di qualche suonatore, che decidono di restituire dignità ad un pezzo da soffitta.
Fino a settembre la mostra è allestita all’interno del Centro Culturale Lou Portoun.


Poeti Berberi per Lenga Maire

Dal 1 al 4 giugno 2017

“Biodiversità culturale” e “convivència” si confermano i concetti fondamentali di Lenga Maire, il festival internazionale delle lingue minoritarie che ogni anno porta a Ostana artisti e poeti da ogni parte del pianeta.
Il Premio diventa così un’ occasione per ascoltare il suono di lingue poco diffuse, e scoprire le storie passate e presenti dei popoli  “resistenti” che le parlano la lingua dei nativi, dove ogni serata o momento di pausa diventa occasione di scambio, di musica e di canto.


2016

Sabato sera con le masche

19 marzo 2016

I partecipanti si troveranno coinvolti in un vero gioco di ruolo. A fare da cornice saranno antichi sentieri, borgate disabitate, lebbrosari medievali, masche dispettose e simpatici sarvanot, provenienti da ogni parte del Piemonte.


La “Notte romantica” dei borghi più belli

25 giugno 2016

Sarà possibile passeggiare sotto le stelle tra gli alberi e i sentieri de “Il Bosco Incantato”, usufruendo delle  diverse attrazioni dell’oasi montana, con possibilità di cena a tema presso  il rifugio Galabèrna. Verrà collocato “l’albero dell’amore”, al quale gli innamorati potranno appendere i propri pensieri.


In mostra il “Ritratto di Italia

05 luglio 2016

Rimarrà visitabile fino al 25 luglio a Ostana  la mostra “Ritratto d’Italia – dove gli animali hanno ancora un nome”. Un percorso di fotografie “scattate con mano d’artista e occhio di poeta”, in cui sono vacche e galline a guadagnarsi le attenzioni che in genere si riservano a modelle e attrici.


Concerto jazz sabato 16

16 luglio 2016

Guideranno  la serata i racconti di  Alessandra Chiappero e Valentina Padovam, sulle note di Danilo Pala, sax alto, e Laerte Cecere, chitarra. La serata si intitola “Wanna swing in the mountains?” ed è realizzata in collaborazione con Associazione Bouligar e Rifugio Galaberna


In mostra i “Fogli d’album” di Pignata

30 luglio 2016

Sabato 30 luglio alle ore 18 presso il centro culturale di S.Antonio a Ostana sarà inaugurata la mostra “Fogli d’album” dell’artista Bruno Pignata.


Chantardancar domenica 18

18 agosto 2016

Torna “Chantar e Dancar”, una manifestazione organizzata da Chambra d’Oc per la promozione della lingua occitana attraverso balli e canti. Il programma comprende: passeggiata alla scoperta delle borgate di Ostana, pranzo al sacco all’interno de “Il bosco incantato” seguito da lettura di fiabe per i più piccoli e balli occitani, concludendo la giornata con il documentario di “Lo sumi de la lenga vai a Montpelhier”.